agricoltura:-il-parlamento-europeo-chiede-taglio-dei-pesticidi-e-reddito-equo

Agricoltura: il Parlamento Europeo chiede taglio dei pesticidi e reddito equo

Le commissioni parlamentare congiunte Ambiente e Agricoltura hanno approvato la nuova linea presentata dal Parlamento Europeo per la sostenibilità della filiera agroalimentare europea: tra i vari elementi, spiccano la riduzione vincolante dell’utilizzo di pesticidi e un reddito equo per gli agricoltori che producono cibo in modo sostenibile. Sono stati ben 94 i voti a favore, con 20 contrarti e 10 astenuti.

Il testo del Parlamento Europeo si propone di affrontare le questioni alimentari a 360 gradi secondo la strategia “Farm to Fork” (F2F), il piano decennale messo a punto dalla Commissione europea a maggio 2020 per guidare la transizione verso un sistema alimentare equo, sano e rispettoso dell’ambiente che porti verso un’agricoltura sostenibile.

Alcune delle proposte riguardano la richiesta di modificare le norme sugli appalti pubblici per incoraggiare la produzione alimentare sostenibile, e l’incoraggiamento ai paesi membri dell’Unione Europea ad azzerare l’IVA per frutta e verdura.

Gli eurodeputati approvano anche l’obbligo di un’etichetta nutrizionale Ue fronte-pacco pur non indicandone modelli, e invitando la Commissione a costruirla secondo l’evidenza scientifica dei prodotti. In questo caso l’obiettivo è di garantire una maggiore armonizzazione all’interno dell’Unione, limitando le importazioni di prodotti animali dai paesi non allineati agli standard europei.

L’articolo Agricoltura: il Parlamento Europeo chiede taglio dei pesticidi e reddito equo proviene da Dissapore.


Redazione

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor ipsum dolor sit amet. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. Cum sociis natoque penatibus et magnis dis parturient montes, nascetur ridiculus mus. Donec quam felis, ultricies nec, pellentesque eu, pretium quis, sem. Nulla consequis enim.



© All rights reserved. Powered by YOOtheme.
Back to Top