© All rights reserved. Powered by YOOtheme.

alle-presidenziali-in-peru-andranno-al-ballottaggio-un-attivista-di-estrema-sinistra-e-una-populista-di-destra

Alle presidenziali in Perù andranno al ballottaggio un attivista di estrema sinistra e una populista di destra

I due candidati che andranno al ballottaggio delle elezioni presidenziali in Perù saranno Pedro Castillo, un attivista di estrema sinistra, e Keiko Fujimori, populista di destra e figlia dell’ex presidente autoritario Alberto Fujimori. Al primo turno delle elezioni, tenuto domenica 11 aprile, i due hanno ottenuto rispettivamente il 19 e il 13 per cento dei voti. I candidati in tutto erano 18, nessuno dei quali chiaramente favorito.

– Leggi anche: Le affollatissime elezioni presidenziali in Perù

Castillo ha 51 anni ed è un ex insegnante, è a capo del partito Perù Libero, di ispirazione marxista e con l’ex presidente cubano Fidel Castro tra i suoi principali modelli. Ha promesso di nazionalizzare le attività di estrazione mineraria, e i settori del gas e del petrolio, e di aumentare le tasse per gli investitori stranieri. Ha impostato la sua campagna elettorale sostenendo che queste elezioni fossero una lotta di classe tra ricchi e poveri, dicendo che avrebbe eliminato le disuguaglianze. Una sua possibile elezione è temuta soprattutto dalla classe imprenditoriale del paese, visto che tra i suoi obiettivi c’è quello di espandere il controllo statale sull’industria e diminuire il potere economico delle imprese.

Fujimori, leader del partito populista di destra Forza Popolare, è nota soprattutto per essere la figlia di Alberto Fujimori, presidente del Perù che governò il paese in maniera autoritaria dal 1990 al 2000. Keiko Fujimori si era già candidata a presidente due volte, nel 2011 e nel 2016, perdendo entrambe le volte. Era in carcere fino allo scorso maggio con l’accusa di riciclaggio di denaro. Ha detto che se verrà eletta libererà il padre, che è in carcere con una condanna a 25 anni per corruzione e sistematiche violazioni dei diritti umani durante la sua presidenza.

Il vincitore del ballottaggio dovrà fare i conti con un parlamento molto frammentato, in un paese che ha avuto 5 presidenti negli ultimi 5 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



© All rights reserved. Powered by YOOtheme.
Back to Top