Bentley ed il nuovo obiettivo aziendale: diventare leader della e-mobility di lusso entro il 2030

bentley-ed-il-nuovo-obiettivo-aziendale:-diventare-leader-della-e-mobility-di-lusso-entro-il-2030

Bentley e lusso sono due termini diventati quasi sinonimi: qualche giorno fa Bentley Motors ha diffuso una nota ufficiale nella quale si definisce l’ambizioso obiettivo della casa automobilistica: diventare leader mondiale della mobilità elettrica di lusso e per farlo “reinventerà ogni aspetto della sua attività per diventare un’organizzazione end-to-end a emissioni zero, mentre si imbarca nel suo secondo secolo”.

Una decisione senza dubbio ambiziosa e coraggiosa che permetterà alla nota azienda britannica di “evolversi dal più grande produttore mondiale di motori a benzina a 12 cilindri a non avere motori a combustione interna entro un decennio”.

Il nuovo piano strategico Bentley prende il nome di Beyond100 e preannuncia un radicale cambiamento del core business guidato “da un programma di trasformazione in tutte le operazioni e prodotti Bentley”.

Le parole di Adrian Hallmark, presidente e amministratore delegato della società,  dimostrano la volontà di stravolgere ogni aspetto del brand: “Dal 1919 Bentley definisce il gran turismo di lusso. Essere in prima linea nel progresso fa parte del nostro dna: i ragazzi Bentley originali erano pionieri e leader. Ora, guardando oltre 100, continueremo a guidare reinventando l’azienda e diventando il punto di riferimento mondiale nel settore delle auto di lusso”.

Continuando a leggere la nota ufficiale della casa automobilistica si chiarisce ancor meglio l’obiettivo di Beyond100: “Bentley  trasformerà da un’azienda centenaria di auto di lusso in un nuovo modello di comportamento sostenibile e totalmente etico per il lusso. Entro il 2023 puntiamo a presentare la variante ibrida in tutti i suoi modelli e nel 2025 dare vita alla sua prima auto totalmente elettrica”.

In occasione del centenario della società, Bentley ha presentato la concept car EXP 100 GT completamente elettrica, che presentava anche una moltitudine di materiali sostenibili, come tappeti di lana prodotti tradizionalmente e un rivestimento in tessuto simile alla pelle ottenuto da un sottoprodotto della vinificazione.