carrello-emergenza:-organizzazione,-check-liste-e-responsabilita-si-rischia-omicidio-colposo.

Carrello Emergenza: organizzazione, check liste e responsabilità. Si rischia omicidio colposo.

Tutto sul Carrello dell’Emergenza in ambito sanitario. Viaggio tra organizzazione, gestione e responsabilità di Medici, Infermieri, OSS e Professioni Sanitarie. Cosa si rischia se non è gestito bene?

In ogni reparto ospedaliero, riabilitativo o residenziale è presente il cosiddetto “Carrello dell’Emergenza“. Strumento con cui ogni professionista sanitario o socio-sanitario, almeno una volta, ci si è dovuto confrontare. Medici, Infermieri, OSS e Professioni Sanitarie devono conoscerlo.

Ma quali sono le raccomandazioni, le responsabilità e le normative a riguardo? Occorre stare attenti! Tale carrello viene definito come un’attrezzatura corredata di tutti gli strumenti, apparecchiature vitali e materiali utili e necessarie per affrontare le emergenze cliniche, garantendo al paziente un supporto vitale repentino e agli operatori di disporre degli strumenti idonei alla situazione.

All’interno di un carrello delle emergenze si devono situare i seguenti materiali:

  • Defibrillatore;
  • Aspiratore;
  • Saturimetro;
  • Bombola d’ossigeno;
  • Sondini per l’aspirazione;
  • Materiale per accesso venoso periferico e accesso e prelievo arterioso;
  • Guanti sterili e non sterili;
  • Ambu;
  • Va e vieni;
  • Maschere facciali;
  • Cannule di Guedel;
  • Laringoscopio e componenti di ricambio;
  • Materiale per l’intubazione;
  • Gel;
  • Elettrodi;
  • Piastre del defibrillatore;
  • Siringhe;
  • Alcuni Farmaci.

I farmaci che devono essere presenti nel carrello emergenza sono i seguenti (salvo eccezioni per necessità di tipologia dell’unità di appartenenza):

  • Acido acetilsalicilico;
  • Adenosina;
  • Adrenalina;
  • Aminofillina;
  • Amiodarone cloridrato;
  • Atracurio besilato;
  • Atropina solfato;
  • Beclometasone dipropionato;
  • Calcio cloruro;
  • Clorfenamina maleato;
  • Clotiapina;
  • Diazepam;
  • Dopamina cloridrato;
  • Fentanil citrato;
  • Flumazenil;
  • Furosemide;
  • Glucosio monoidrato;
  • Idrocortisone emisuccinato sodico;
  • Ipratropio bromuro;
  • Isosorbide dinitrato;
  • Ketoprofene;
  • Labetalolo cloridrato;
  • Lidocaina cloridrato;
  • Lisina acetilsalicilato;
  • Magnesio solfato;
  • Metamizolo sodico;
  • Metilprednisolone emisuccinato sodico;
  • Metoclopramide cloridrato;
  • Midazolam;
  • Morfina cloridrato;
  • Naloxone cloridrato;
  • Nifedipina;
  • Nitroglicerina;
  • Oxitocina;
  • Potassio cloruro;
  • Ringer Acetato;Salbutamolo;
  • Sodio bicarbonato Sodio cloruro 0,9%.

Un carrello delle emergenze per essere a norma di legge deve avere le seguenti caratteristiche:

  1. Deve essere uniforme a livello aziendale
  2. Deve avere un accessibilità veloce
  3. Tutti gli operatori, previa formazione adeguata, devono essere in grado di utilizzarlo correttamente
  4. Deve essere presente almeno 1 per ogni piano
  5. Il luogo in cui è presente un carrello delle emergenze deve essere:
    • Identificato da un cartello di segnalazione;
    • Conosciuto da tutti gli operatori sanitari;
    • Non accessibile all’utenza;
    • Vicino ad una presa elettrica utile al caricamento del defibrillatore.

I controlli devono essere effettuati in 3 differenti momenti:

  1. Controlli giornalieri di defibrillatore, bombola di ossigeno, aspiratore, saturimetro (pulsiossimetro) e integrità del sigillo di chiusura.
  2. Controllo settimanale o mensile di farmaci ed apparecchiature
  3. Controllo post-utilizzo. Occorre reintegrare e pulire il carrello, applicando infine un nuovo sigillo di chiusura.

Le responsabilità sul carrello delle emergenze ricadono su:

  • medico ed infermiere: per il materiale e i farmaci usati;;
  • infermieri: per il rifornimento e il mantenimento del carrello;
  • coordinatore infermieristico: per i controlli di avvenuto rifornimento e buon mantenimento del carrello.

Un carrello delle emergenze che non rispetti queste regole può portare il diretto responsabile ad essere processato per omicidio colposo. Questo avviene a seguito del mancato intervento adeguato con conseguente decesso del paziente. Stiamo attenti!

Si consiglia di consultare per maggiori informazioni e per qualsiasi chiarimento i protocolli all’interno dell’unità ospedaliera di appartenenza.

E il vostro carrello dell’emergenza com’è messo?

Scriveteci pure a redazione@assocarenews.it.

L’articolo Carrello Emergenza: organizzazione, check liste e responsabilità. Si rischia omicidio colposo. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.


Redazione

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor ipsum dolor sit amet. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. Cum sociis natoque penatibus et magnis dis parturient montes, nascetur ridiculus mus. Donec quam felis, ultricies nec, pellentesque eu, pretium quis, sem. Nulla consequis enim.



© All rights reserved. Powered by YOOtheme.
Back to Top