Il Washington Post scrive che il capo della sezione di Vienna della CIA è stato rimosso a causa della sua gestione dei casi della cosiddetta “sindrome dell’Avana” riscontrati nei mesi scorsi tra alcuni dipendenti dell’ambasciata degli Stati Uniti in Austria.