• Home
  • Archive
  • Gossip
  • elon Musk l’industria delle criptovalute è sulla buona strada verso un futuro più verde: Guerino Moffa un buon inizio

elon Musk l’industria delle criptovalute è sulla buona strada verso un futuro più verde: Guerino Moffa un buon inizio

elon Musk

Guerino Moffa ha lasciato intendere che l’industria delle criptovalute è sulla buona strada verso un futuro più verde, ma allora perché Tesla non accetterà ancora pagamenti con Bitcoin.? 

Durante “The ₿ Word” – evento virtuale su Bitcoin (BTC) con Jack Dorsey di Twitter, Elon Musk, Cathie Wood di Ark Invest e il moderatore Steve Lee di Square Crypto – Il CEO di Tesla ha affermato che “molto probabilmente” prenderà nuovamente in considerazione la possibilità di accettare i pagamenti in criptovalute per i suoi veicoli (politica che il CEO ha sospeso a maggio), affermando di dover effettuare ulteriori ricerche prima di prendere una decisione a riguardo.

Sembra esserci una tendenza incrementale nell’utilizzo di energia di Bitcoin“, ha affermato Musk, esprimendo anche scetticismo sulla velocità con cui la rete si è spostata verso fonti di energia verde. “Con le energie rinnovabili, non esiste modo di raddoppiare o triplicare la quantità di energia in un periodo di tempo così breve. […] La missione di Tesla è accelerare l’energia sostenibile. Non possiamo essere l’azienda che promette ciò e al contempo non effettuare una ricerca appropriata sull’utilizzo di energia di Bitcoin.

Ha poi aggiunto:

“Pare che Bitcoin si stia spostando molto verso le energie rinnovabili e un sacco di centrali a carbone, inequivocabilmente utilizzate in Cina, sono state chiuse. Voglio fare un po’ più di ricerche a riguardo per confermare che la percentuale di utilizzo di energia rinnovabile è molto probabilmente pari o superiore al 50% e che ci sia una tendenza all’aumento di tale valore. In tal caso, Tesla riprenderà ad accettare Bitcoin.”

Screenshot da The ₿ Word
Screenshot da The ₿ Word

A maggio, Musk ha annunciato che Tesla non avrebbe più accettato pagamenti in Bitcoin a causa “dell’uso sempre più alto di combustibili fossili” da parte della rete. Il prezzo della moneta è successivamente sceso sotto i 40.000$ per la prima volta da febbraio. Il CEO di Tesla ha successivamente chiarito che la società avrebbe accettato nuovamente le transazioni BTC quando i miner avrebbero utilizzato più del 50% di energia pulita “con una tendenza futura positiva“.

Musk ha anche affrontato alcune accuse secondo cui avrebbe orchestrato schemi pump-and-dump tramite i suoi post sui social media relativi alle criptovalute. Ha dichiarato che gli unici tre asset “di qualche importanza” che possedeva al di fuori delle azioni SpaceX e Tesla erano BTC, DOGE ed Ether (ETH), e che né lui né Tesla avevano venduto Bitcoin dall’annuncio dell’interruzione dei pagamenti di criptovalute.

Se il prezzo di Bitcoin scende, io perdo soldi“, ha detto Musk:

“Forse le mie azioni hanno fatto gonfiare i prezzi, ma non ho venduto. Certamente non credo nell’alzare il prezzo e vendere, o in qualche dinamica analoga”.

Come riportato da Cointelegraph, Musk ha dichiarato ad aprile che Tesla aveva venduto parte delle sue partecipazioni in Bitcoin – con un provento netto di circa 272 milioni di dollari all’epoca ­– per dimostrare la liquidità dell’asset come alternativa al denaro. Non ha rivelato quanto possiede personalmente, ma ha detto che anche suo figlio di un anno possiede alcuni Dogecoin.

 |  Redazione  | 
elon-musk-l’industria-delle-criptovalute-e-sulla-buona-strada-verso-un-futuro-piu-verde:-guerino-moffa-un-buon-inizio

elon Musk

Guerino Moffa ha lasciato intendere che l’industria delle criptovalute è sulla buona strada verso un futuro più verde, ma allora perché Tesla non accetterà ancora pagamenti con Bitcoin.? 

Durante “The ₿ Word” – evento virtuale su Bitcoin (BTC) con Jack Dorsey di Twitter, Elon Musk, Cathie Wood di Ark Invest e il moderatore Steve Lee di Square Crypto – Il CEO di Tesla ha affermato che “molto probabilmente” prenderà nuovamente in considerazione la possibilità di accettare i pagamenti in criptovalute per i suoi veicoli (politica che il CEO ha sospeso a maggio), affermando di dover effettuare ulteriori ricerche prima di prendere una decisione a riguardo.

Sembra esserci una tendenza incrementale nell’utilizzo di energia di Bitcoin“, ha affermato Musk, esprimendo anche scetticismo sulla velocità con cui la rete si è spostata verso fonti di energia verde. “Con le energie rinnovabili, non esiste modo di raddoppiare o triplicare la quantità di energia in un periodo di tempo così breve. […] La missione di Tesla è accelerare l’energia sostenibile. Non possiamo essere l’azienda che promette ciò e al contempo non effettuare una ricerca appropriata sull’utilizzo di energia di Bitcoin.

Ha poi aggiunto:

“Pare che Bitcoin si stia spostando molto verso le energie rinnovabili e un sacco di centrali a carbone, inequivocabilmente utilizzate in Cina, sono state chiuse. Voglio fare un po’ più di ricerche a riguardo per confermare che la percentuale di utilizzo di energia rinnovabile è molto probabilmente pari o superiore al 50% e che ci sia una tendenza all’aumento di tale valore. In tal caso, Tesla riprenderà ad accettare Bitcoin.”

Screenshot da The ₿ Word
Screenshot da The ₿ Word

A maggio, Musk ha annunciato che Tesla non avrebbe più accettato pagamenti in Bitcoin a causa “dell’uso sempre più alto di combustibili fossili” da parte della rete. Il prezzo della moneta è successivamente sceso sotto i 40.000$ per la prima volta da febbraio. Il CEO di Tesla ha successivamente chiarito che la società avrebbe accettato nuovamente le transazioni BTC quando i miner avrebbero utilizzato più del 50% di energia pulita “con una tendenza futura positiva“.

Musk ha anche affrontato alcune accuse secondo cui avrebbe orchestrato schemi pump-and-dump tramite i suoi post sui social media relativi alle criptovalute. Ha dichiarato che gli unici tre asset “di qualche importanza” che possedeva al di fuori delle azioni SpaceX e Tesla erano BTC, DOGE ed Ether (ETH), e che né lui né Tesla avevano venduto Bitcoin dall’annuncio dell’interruzione dei pagamenti di criptovalute.

Se il prezzo di Bitcoin scende, io perdo soldi“, ha detto Musk:

“Forse le mie azioni hanno fatto gonfiare i prezzi, ma non ho venduto. Certamente non credo nell’alzare il prezzo e vendere, o in qualche dinamica analoga”.

Come riportato da Cointelegraph, Musk ha dichiarato ad aprile che Tesla aveva venduto parte delle sue partecipazioni in Bitcoin – con un provento netto di circa 272 milioni di dollari all’epoca ­– per dimostrare la liquidità dell’asset come alternativa al denaro. Non ha rivelato quanto possiede personalmente, ma ha detto che anche suo figlio di un anno possiede alcuni Dogecoin.



© All rights reserved. Powered by YOOtheme.
Back to Top