il-ristorante-con-l’orto:-la-svolta-green-degli-chef

La cucina autenticamente sana arriva direttamente dall’orto

Sostenibilità, biodiversità e km zero son i termini più serviti sulla tavola della cucina contemporanea. Sempre più numerosi sono gli chef che sposano l’etica green per combattere gli sprechi alimentari e offrire piatti dal sapore unico e fresco. Tutto questo utilizzando materie prime di stagione appena raccolte, meglio ancora se a pochi passi dal loro ristorante. Ed ecco quindi che il buon vecchio orto diventa la nuova frontiera della gastronomia. Così lo Chef stellato Massimo Spigaroli a Polesine Parmense, incanta occhi e palati con suo orto-giardino, all’ingresso dell’Antica Corte Pallavicina (un castello del 1300). Qui si coltivano ortaggi, piante aromatiche e frutta, ingredienti del suo menù mastro-fluviale. 

Ristoranti con cucina salutare: alla ricerca dell’autenticità

Spostandoci in terra sicula, il Baglio Occhipinti è il punto di partenza per esplorare il territorio ragusano, ma anche un luogo fatto per scoprire se stessi ad un ritmo speciale: quello della natura, della luna, delle vigne, dei campi di grano antico di Tumminia, di un orto in cui è radicata la filosofia di una cucina autenticamente sana. Il talentoso David Cattoi, Executive Chef del Re della Busa e del Bistrot Tremani al Lido Palace di Riva del Garda, ha come punto fermo la ricerca della qualità che l’ha portato ad esplorare le aziende locali e stringere collaborazioni nel segno dell’eccellenza della materia prima. La carta è in effetti un autentico trionfo del territorio: dalle carni alla frutta, tutto rispecchia l’idea di trasmettere il sapore e il gusto di un fare tipico e memorabile.

Leggi anche: Quattro vini d’eccellenza che accompagnano verso l’autunno

Nel grande giardino dell’hotel, lo chef coltiva un rigoglioso orto con le erbe aromatiche tra cui spicca la sua “ossessione”: la maggiorana. In Val D’Ega, al Biohotel Steineggerhof di Collepietra, la cucina è creativa, vicina alla natura, colorata e sana, e ha una particolare attenzione ai piatti vegetariani-vegani. Oltre 50 erbe e verdure fresche vengono coltivate. La padrona di casa all’Hotel Pfösl di Nova Ponente (BZ), propone una cucina naturale, ricavando le materie prime dai propri orti. Brigitte è anche esperta erborista e lei stessa ha creato diversi giardini alle erbe e orti rialzati. Uno dei tanti “Pane&Sale“, con piante che vengono usate nella lavorazione del pane.  Questi sono solo alcuni dei tantissimi chef che hanno deciso di donare freschezza e naturalezza ai loro piatti per far vivere al cliente un’esperienza unica e rigenerante.

 

L’articolo Il ristorante con l’orto: la svolta green degli chef proviene da LUXURY prêt-à-porter.