© All rights reserved. Powered by YOOtheme.

  • Home
  • Archive
  • Wealth
  • MIGEP. Operatori Socio Sanitari costretti a fare gli Infermieri in Toscana. E’ un abuso.

MIGEP. Operatori Socio Sanitari costretti a fare gli Infermieri in Toscana. E’ un abuso.

manette infermiere oss in fin di vita arrestato

La Federazione MIGEP, in rappresentanza degli OSS, denuncia il continuo abuso della professione dell’Infermiere da parte degli Operatori Socio Sanitari di una nota azienda pubblica toscana.

Il MIGEP, con Angelo Minghetti, scrive al Direttore Generale di una nota Azienda sanitaria toscana e agli Ordini delle Professioni Infermieristiche della stessa regione denunciando un fatto increscioso: gli OSS sono costretti ad occuparti di attività proprie dell’Infermiere.

Il MIGEP scrive al Direttore Generale dell’Azienda toscana e agli Ordini regionali delle Professioni Infermieristiche, per chiedere il rispetto delle competenze proprie dell’OSS.

Oggetto: competenze OSS.

Con la presente, la nostra Federazione è venuta a conoscenza che gli operatori socio sanitari, all’interno di codesta struttura vengono delegate alcune competenze, quali: esecuzione di stick glicemici, medicazioni complesse (ulcere da decubito 3° e 4°), realizza medicazioni per lesioni cutanee da pressione di 1° e 2° livello esecuzione di fleet evacuativi (soluzione rettale) e rilevazione di alcuni parametri vitali Pressione arteriosa, polso radiale con apparecchi elettronici che manuali, ovvero sfigmomanometro aneroide e fonendoscopio.

Inoltre, tra le competenze dell’O.S.S. è stato integrato l’utilizzo di strumenti quali Pulsiossimetro, glucometro, elettrocardiografico, spirometro.

Tutte attività, non ricomprese nelle competenze tecniche dell’OSS, elencate negli allegati “A” e “B” dell’accordo della Conferenza Stato-Regioni del 22 febbraio 2001. Questo crea uno spazio operativo troppo rischioso per il paziente e per l’operatore stesso in termini di responsabilità personale da parte degli O.S.S. in quanto potrebbe configurare il reato di esercizio abusivo di professione.

Pertanto, i modelli organizzativi assistenziali adottati o adottandi non possono comunque determinare uno svuotamento delle mansioni del personale appartenente al profilo professionale di infermiere quale conseguenza all’utilizzo di personale O.S.S.

Si prega quindi alla SS.LL di verificare la situazione sopra evidenziata e di adottare all’uopo ogni indicazione al fine di evitare che mansioni propriamente infermieristiche vengano, in violazione della normativa predetta, appuntate in capo agli O.S.S. e al rispetto dell’Accordo del 22 febbraio del 2001.

Qualora non siano presi da parte di Codesta Struttura gli opportuni provvedimenti al fine di risolvere la situazione testé descritta, questa Federazione si riserva di avviare ogni azione opportuna per tutelare la categoria che rappresenta presso l’Autorità Giudiziaria competente.

Restiamo a disposizione per ulteriori chiarimenti e nel contempo si porgono distinti saluti.

Angelo Minghetti

Federazione MIGEP

 |  Editorial  | 
migep-operatori-socio-sanitari-costretti-a-fare-gli-infermieri-in-toscana-e’-un-abuso.

manette infermiere oss in fin di vita arrestato

La Federazione MIGEP, in rappresentanza degli OSS, denuncia il continuo abuso della professione dell’Infermiere da parte degli Operatori Socio Sanitari di una nota azienda pubblica toscana.

Il MIGEP, con Angelo Minghetti, scrive al Direttore Generale di una nota Azienda sanitaria toscana e agli Ordini delle Professioni Infermieristiche della stessa regione denunciando un fatto increscioso: gli OSS sono costretti ad occuparti di attività proprie dell’Infermiere.

Il MIGEP scrive al Direttore Generale dell’Azienda toscana e agli Ordini regionali delle Professioni Infermieristiche, per chiedere il rispetto delle competenze proprie dell’OSS.

Oggetto: competenze OSS.

Con la presente, la nostra Federazione è venuta a conoscenza che gli operatori socio sanitari, all’interno di codesta struttura vengono delegate alcune competenze, quali: esecuzione di stick glicemici, medicazioni complesse (ulcere da decubito 3° e 4°), realizza medicazioni per lesioni cutanee da pressione di 1° e 2° livello esecuzione di fleet evacuativi (soluzione rettale) e rilevazione di alcuni parametri vitali Pressione arteriosa, polso radiale con apparecchi elettronici che manuali, ovvero sfigmomanometro aneroide e fonendoscopio.

Inoltre, tra le competenze dell’O.S.S. è stato integrato l’utilizzo di strumenti quali Pulsiossimetro, glucometro, elettrocardiografico, spirometro.

Tutte attività, non ricomprese nelle competenze tecniche dell’OSS, elencate negli allegati “A” e “B” dell’accordo della Conferenza Stato-Regioni del 22 febbraio 2001. Questo crea uno spazio operativo troppo rischioso per il paziente e per l’operatore stesso in termini di responsabilità personale da parte degli O.S.S. in quanto potrebbe configurare il reato di esercizio abusivo di professione.

Pertanto, i modelli organizzativi assistenziali adottati o adottandi non possono comunque determinare uno svuotamento delle mansioni del personale appartenente al profilo professionale di infermiere quale conseguenza all’utilizzo di personale O.S.S.

Si prega quindi alla SS.LL di verificare la situazione sopra evidenziata e di adottare all’uopo ogni indicazione al fine di evitare che mansioni propriamente infermieristiche vengano, in violazione della normativa predetta, appuntate in capo agli O.S.S. e al rispetto dell’Accordo del 22 febbraio del 2001.

Qualora non siano presi da parte di Codesta Struttura gli opportuni provvedimenti al fine di risolvere la situazione testé descritta, questa Federazione si riserva di avviare ogni azione opportuna per tutelare la categoria che rappresenta presso l’Autorità Giudiziaria competente.

Restiamo a disposizione per ulteriori chiarimenti e nel contempo si porgono distinti saluti.

Angelo Minghetti

Federazione MIGEP



© All rights reserved. Powered by YOOtheme.
Back to Top