© All rights reserved. Powered by YOOtheme.

  • Home
  • Archive
  • Wealth
  • Obbligo di vaccinarsi, l’on. Mammì (M5S): «La pandemia ci ha insegnato che non si può aspettare».

Obbligo di vaccinarsi, l’on. Mammì (M5S): «La pandemia ci ha insegnato che non si può aspettare».

“Bisogna agire per la tutela della salute. Per questo dopo l’accoglimento del mio Ordine del Giorno che chiedeva di chiarire la norma del Decreto Vaccini che introduce l’obbligo vaccinale contro il COVID-19 per gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario che svolgono la loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, pubbliche e private, nelle farmacie, parafarmacie e negli studi professionali, ho presentato un’interpellanza al Governo per sollecitarlo a intervenire in merito agli impegni assunti con tempestività.

La norma lasciava dubbi sull’obbligo di sottoporsi al vaccino per altre categorie di operatori dell’ambito sanitario come gli ausiliari socio-assistenziali, il personale addetto alla pulizia dei locali, gli addetti alla reception delle strutture sanitarie ed assistenziali, gli addetti alla sicurezza agli ingressi presso gli hub vaccinali regionali.

Chiarire subito quali categorie sono soggette all’obbligo vaccinale e quindi estendere l’opportunità a tutti gli operatori di interesse sanitario. Vaccinare per tutelare la salute degli operatori. Ritengo che l’obbligo vaccinale debba essere esteso anche a queste categorie, altrettanto meritevoli di essere adeguatamente protette al pari delle altre, per sé stesse e per la sicurezza di chi entra in contatto con loro”. conclude l’On. Mammì.

 |  Editorial Staff  | 

“Bisogna agire per la tutela della salute. Per questo dopo l’accoglimento del mio Ordine del Giorno che chiedeva di chiarire la norma del Decreto Vaccini che introduce l’obbligo vaccinale contro il COVID-19 per gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario che svolgono la loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, pubbliche e private, nelle farmacie, parafarmacie e negli studi professionali, ho presentato un’interpellanza al Governo per sollecitarlo a intervenire in merito agli impegni assunti con tempestività.

La norma lasciava dubbi sull’obbligo di sottoporsi al vaccino per altre categorie di operatori dell’ambito sanitario come gli ausiliari socio-assistenziali, il personale addetto alla pulizia dei locali, gli addetti alla reception delle strutture sanitarie ed assistenziali, gli addetti alla sicurezza agli ingressi presso gli hub vaccinali regionali.

Chiarire subito quali categorie sono soggette all’obbligo vaccinale e quindi estendere l’opportunità a tutti gli operatori di interesse sanitario. Vaccinare per tutelare la salute degli operatori. Ritengo che l’obbligo vaccinale debba essere esteso anche a queste categorie, altrettanto meritevoli di essere adeguatamente protette al pari delle altre, per sé stesse e per la sicurezza di chi entra in contatto con loro”. conclude l’On. Mammì.



© All rights reserved. Powered by YOOtheme.
Back to Top