Sladmore Gallery London

sladmore-gallery-london

In prima linea nella compravendita di sculture e oggettistica da oltre 50 anni, la Sladmore Gallery nasce da una collezione privata di statue di animali del XIX secolo. La famiglia Horswell la avvia negli anni ‘60 a Sladmore Farm, nel Buckinghamshire, dove istituisce inoltre una riserva di fauna esotica. Nel 1968, la galleria si trasferisce negli spazi di un fienile su tre piani a Berkeley Square, nel cuore di Mayfair, dove Sladmore Contemporary si trova tutt’oggi.


Anche questa nuova sede ospita alcuni uccelli e altri animali, finché le creature in carne e ossa vengono a poco a poco sostituite da sculture in bronzo. In origine riservata esclusivamente alla vendita di sculture in bronzo realizzate da noti artisti del movimento Animaliers tra il XIX e il XX secolo, la Sladmore Gallery rappresenta ora un ben più ampio ventaglio di autori contemporanei, tra cui ceramisti, creatori di assemblaggi multimediali, intagliatori di pietre e medaglisti. Sladmore Contemporary studia una grande varietà di soggetti, pur rimanendo sempre specializzata in sculture ispirate al mondo naturale, dalle monumentali teste di cavallo in bronzo anticato di Nic Fiddian-Green, celebri in tutto il mondo, alle geniali creazioni intricate di Nicola Lazzari.

Quali eventi avete maggiormente apprezzato di recente?


La fiera Masterpiece Art a Londra, senza dubbio la migliore a livello internazionale. È ricca di opere meravigliose e ben allestite, offre locali piacevoli dove mangiare e bere e si trova proprio nel cuore della capitale, che di norma è facilmente accessibile.

Siete specializzati in sculture di animali. Da dove nasce l’interesse per questi soggetti così particolari?


La galleria ha aperto nel 1965 a Sladmore Farm, insieme alla riserva faunistica istituita dai miei genitori. Gli animali e questo genere di scultura sono da sempre parte di me. Ho da poco pubblicato un volume sulla scultura animale del XX secolo, che si accompagna a un libro scritto da mia madre relativo a quella del XIX secolo. È stato motivo di grande soddisfazione per me e mi auguro che un giorno i miei figli ne scrivano un terzo sulla scultura del XXI secolo.

Qual è la clientela di riferimento delle vostre proposte? Collezionisti d’arte o amanti della natura e degli animali?


Selezioniamo solo il meglio, pertanto i nostri clienti sono spesso collezionisti d’arte colti ed esigenti, oltre che amanti della natura come noi. Vendiamo inoltre le più esclusive creazioni di Rodin, Troubetzkoy, Degas, Maillol e Mario Dilitz, maestro australiano dell’intagliatura del legno, per andare incontro alle esigenze di chi invece preferisce soggetti umani.

Quali sono i vostri materiali prediletti in quanto galleristi e artisti?


La collezione si compone prevalentemente di sculture in bronzo. Si tratta di un metallo che consente di ottenere colate di eccellente qualità e splendide patine. Le nostre sculture appartengono per la maggior parte a edizioni limitate. Abbiamo inoltre opere selezionate in pietra, marmo, legno e ceramica.

Prevedete eventi nell’immediato futuro?


In autunno, la nostra sezione di arte contemporanea ospiterà mostre dedicate alla scultura di Nic Fiddian-Green e Nicola Lazzari. Allestiremo inoltre una grande esposizione sulla scultura impressionista dell’inizio del secolo scorso (1880-1920), un nostro omaggio alla mostra visionaria attualmente visitabile allo Staedel Museum di Francoforte.